Il lavoro di formazione

Vivere l’Alzheimer, come malato o come famigliare, significa ritrovarsi improvvisamente in un mondo sconosciuto, ostile, senza punti di riferimento.

Per questo la formazione è importante: perché significa fornire quegli strumenti necessari a recuperare una visione lucida e fattiva delle situazioni e delle relazioni.

Il nostro lavoro di formazione si articola su tre fronti:


   i famigliari (caregiver informali)

per aiutarli a capire la “nuova” situazione, a sapere come farvi fronte, a comprendere le esigenze del malato quando la comunicazione diventa problematica e difficile: periodicamente vengono quindi organizzati incontri formativi sulla malattia, sulle pratiche di assistenza, e sulle attività burocratico/amministrative per accedere all’assistenza sociale.

   chi si prende cura dei malati (caregiver formali)
come ad esempio le assistenti familiari, che spesso sono in prima linea nel soddisfare le necessità pratiche e quotidiane dei malati: un lavoro duro, difficile, che necessita di una preparazione specifica specifica fornita attraverso corsi mirati, che periodicamente vengono organizzati dall’Associazione.

   i volontari
che spesso hanno bisogno di apprendere e/o aggiornare le necessarie competenze per rapportarsi con i famigliari, per capire le loro esigenze anche al di là di quello che dicono, per consigliare la soluzione più opportuna in rapporto ai problemi concreti, e sempre diversi che incontrano quotidianamente.

Author: toni

Share This Post On