top of page
legge-11-aprile-2024

Sei in: Attività > Supporto diritti sociali > Legge n. 5 del 11 Aprile 2024

Disposizioni per il riconoscimento e il sostegno del caregiver familiare

Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato il 3 aprile 2024, la proposta di legge regionale n. 132 del 9 febbraio 2024, concernente "Disposizioni per il riconoscimento e il sostegno del caregiver familiare".

 

Il caregiver familiare è la persona che assiste e si prende cura del coniuge, dell’altra parte dell’unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto secondo la Regolamentazione delle unioni civili che disciplina inoltre le convivenze di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé, sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata.

 

Lo status di caregiver familiare può essere riconosciuto anche a coloro che, in mancanza di familiari da parte dell’assistito, convivono con la persona bisognosa di assistenza, garantendone la permanenza nel proprio ambiente familiare.

 

Al caregiver (al quale potrà essere consegnata una Card che permetta l’individuazione del ruolo) vengono riconosciuti i seguenti diritti:

  1. l’informazione, l’orientamento e l’affiancamento per l’accesso ai servizi;

  2. l’attività formativa;

  3. il supporto psicologico per il conseguimento e il mantenimento del benessere e dell’equilibrio personale e familiare, anche con interventi di sollievo, mediante l’impiego di operatori professionali o personale scelto in caso di impedimenti dello stesso caregiver familiare;

  4. la domiciliarizzazione delle visite specialistiche nei casi di difficoltà di spostamento della persona che necessita di cura per ridurre i tempi di attesa per l’accesso alle prestazioni in favore del caregiver familiare e nei confronti della persona che necessita di cura e assistenza, sia per l’accoglienza che per il ricovero;

  5. interventi per agevolare l’ingresso e la permanenza del caregiver nei reparti di pronto soccorso e di degenza;

  6. l’attivazione di forme di facilitazione nel disbrigo di pratiche amministrative svolte nell’interesse dell’assistito o del caregiver

  7. la creazione di canali pubblici di comunicazione privilegiati, anche con l’impiego delle nuove tecnologie della comunicazione e informazione (ITC), quali contact center, sportelli di accoglienza con personale dedicato, che facilitino il costante rapporto tra il caregiver familiare,

  8. l’accordo tra rappresentanti delle farmacie regionali per la consegna dei dispositivi e dei farmaci a domicilio, nell’ottica di ampliare l’accesso ai servizi sociosanitari dei caregiver.

La Regione Lazio con appositi provvedimenti emanerà una serie di misure atte a rendere operative le misure esposte.

  SCOPRI DI PIÙ  

bottom of page