top of page
film

Vivere due volte

Sei in: Per saperne di più > Film che ci hanno emozionato > Vivere due volte

Vivere due volte

Anno di uscita 2019

Vivere due volte è un film del 2019 diretto da Maria Ripoli, ambientato in Spagna più precisamente a Valencia, una città tranquilla dove Emilio, il protagonista, passa le sue giornate spesso in solitudine, immerso nelle sue abitudini. Frequenta sempre la stessa tavola calda dove va a fare colazione, per poi fare sempre lo stesso tragitto per tornare a casa e immergersi fra i suoi libri.


Emilio era un professore universitario, insegnava matematica, la sua grande passione, fin da piccolo sviluppò grande interesse per i numeri, tanto è vero che impegnava spesso il suo tempo con il suo quadrato magico; anche in riva al mare, con la sua amica d'infanzia Margarita, mentre lei intonava un canto, lui cercava di concentrarsi nelle sue abilità logiche. Non sempre ci riusciva però, perché Margarita aveva un fascino su di lui, bella e sfuggente. Emilio non la dimenticò mai, il suo ricordo era ancora vivo, e così voleva che restasse, almeno per un po', finché la malattia dell'Alzheimer non gli cancellasse totalmente la sua memoria e con lei il suo passato.


Dopo la diagnosi Emilio pensa di cavarsela da solo, di non far sapere nulla a sua figlia Julia riguardo alla malattia. Ma una mattina dopo una visita medica la incontra in ospedale, dove lei lavora come informatrice scientifica, così costretto dalle circostanze accetta l'invito per il pranzo della domenica, dove ci sarà tutta la sua famiglia, composta anche da sua nipote Blanca, affetta da zoppia e suo genero Felipe, un formatore impegnato molto sui social. Emilio qui si sente alle strette, e comunica apertamente, senza mezzi termini che ha l'Alzheimer. Julia cerca di dargli tutto il suo supporto, invitandolo a trasferirsi a casa sua, ma né Emilio né Blanca accettano di buon grado questa possibile novità "...Papà per favore perché non vuoi che ti aiuti?... perché sei esasperante! La perdita della memoria mi rende abbastanza nervoso, è difficile sopportare anche te!...". Ma Julia è testarda e non molla la presa, sa benissimo che l'amore e l'unione della famiglia è importante, così decide di regalare un telefono ad Emilio, che purtroppo però non sa usare, quindi affida a Blanca il compito di stargli accanto in questa nuova avventura e navigare con lui nelle acque della tecnologia. Inizia un nuovo viaggio per Emilio, alla ricerca di un nuovo mondo possibile, dove incontrare la sua amata Margarita.


In compagnia di Blanca, vuole raggiungere lo stato di Navarra, ma il destino gli rema contro e i suoi piani vanno in fumo, insieme alla sua macchina, ed è costretto a fermarsi e a fare i conti anche con Julia, che preoccupata arriva al distributore di benzina, dove poco prima era arrivata anche una pattuglia della polizia. Emilio è costretto a vuotare il sacco e a raccontare a Julia cosa lo ha spinto a prendere la macchina, Blanca ed una cartina stradale e percorrere centinaia di chilometri lontano da casa. Il suo sogno è quello di poter incontrare il suo amore d'infanzia perduto, dopo essere rimasto vedovo, ed aver dedicato tutta la sua vita agli studi, questo è il suo ultimo ed unico desiderio.


Così passò la notte, e con lei anche i dubbi e le perplessità di Julia, ora tutta la famiglia era lontana da casa, e la decisione era o guardare avanti verso il futuro o tornare indietro, verso Valencia e dimenticare ogni piccolo passo fatto verso Margarita. Riuscirà Emilio ad incontrarla? Margarita esiste veramente? Tutto ciò che li lega, ancora oggi, sarà in grado di portarli a vedersi ancora una volta? Le note stonate ma armoniche della memoria emozionale di Emilio ci accompagneranno nella straordinaria musica della sua anima.


L'Alzheimer può offuscare e annebbiare le funzioni della mente ma non quelle del cuore.

bottom of page